Facebook ha rimosso un gruppo di hacker con sede in Cina che aveva preso di mira i membri della comunità Uigura che vivono all’estero.

Ha affermato che gli hacker hanno utilizzato siti Web e app dannosi per infettare i dispositivi e consentire la sorveglianza remota, con giornalisti e attivisti presi di mira.

La maggior parte degli attacchi informatici non è avvenuta direttamente su Facebook, ma ha utilizzato la piattaforma dei social media per condividere collegamenti a siti infetti.

Questa non è la prima volta che gli hacker vengono accusati di tale attività.

Gli uiguri sono originari della regione nord-occidentale dello Xinjiang in Cina e quelli presi di mira vivono attualmente in luoghi come la Turchia, gli Stati Uniti, l’Australia e il Canada.

“Questa attività aveva i tratti distintivi di un’operazione con risorse adeguate e persistente, mentre offuscava chi c’è dietro”, hanno detto in un post sul blog Mike Dvilyanski, capo delle indagini di spionaggio informatico di Facebook, e Nathaniel Gleicher, capo della politica di sicurezza.

Facebook ha detto di aver rimosso gli account – che in totale erano meno di 100 – che si è scoperto essere stato creato dagli hacker, un gruppo noto come Earth Empusa o Evil Eye.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published.