l’estetista romana che non ci sta e scrive alla raggi

Gentilissima Sindaca Virginia Raggi, siamo una piccola azienda nella periferia di Roma, precisamente un centro estetico dove lavoriamo da circa 15 anni, onestamente, pagando le tasse alla nostra città e al nostro Paese, cosa non sempre facile visti i continui cavilli di questo sistema burocratico e fiscale.

14508495_10154605608458804_1999048848_n

Nonostante la crisi e nonostante tale sistema fiscale sempre più oneroso, abbiamo saputo tirare avanti cercando spesso di reinventarci per non perdere quella clientela sempre più ridotta perchè attratta da una sleale concorrenza sempre meno in regola e quindi più conveniente.

La nostra professionalità ci ha tenuto in piedi, oggi, però, abbiamo ricevuto la notizia che a pochi metri da noi aprirà l’ennesimo negozio cinese che offrirà i nostri stessi servizi a prezzi supersvalutanti per il nostro lavoro.
Non esiste lealtà in questo tipo di concorrenza e probabilmente in meno di un anno saremo altre 7 disoccupate che andranno ad accrescere le vittime che questo sistema malato comporta… Perchè cara Sindaca?

14518225_10154605609593804_728780333_n

Perchè ” loro” possono aprire, chiudere e riaprire con questa facilità che a noi romani/ italiani non è concessa?
Perchè hanno un sistema fiscale agevolato rispetto al nostro?
Perchè siamo diventati cittadini di tipo B? Perchè, pur non producendo ricchezza per la nostra città (spesso mandano i loro guadagni all’estero) loro vanno avanti con le loro attività e noi italiani siamo costretti a chiudere?
Non avremmo mai scritto così a cuore aperto ad una precedente amministrazione perchè non ne avevamo la minima fiducia, ma in Lei crediamo perchè Lei è una di noi e soprattutto è una Donna, madre e lavoratrice come noi e abbiamo creduto in Lei fin dall’inizio e per questo l’abbiamo scelta.
Per favore, per quanto le è possibile, cerchi di cambiare questo sistema malato che sta affondando sempre di più i poveri romani a favore di quegli stranieri che, non si sa perchè, hanno sempre una preferenziale rispetto a noi. Noi non siamo razziste e siamo per l’integrazione ma non a discapito nostro.

14527555_10154605609953804_204979982_n

Per favore cerchi di mettere un blocco a queste nuove licenze perchè stanno sempre più minando commercianti e artigiani locali che sono coloro che in realtà pagano esose tasse e sono una buona fetta di coloro che mandano avanti la nostra città. Se chiudiamo tutti che ne sarà della nostra tradizione, identità, cultura? Siamo sicure di incarnare l ‘opinione di sempre più cittadini onesti molti dei quali hanno dovuto chiudere baracca e cercare lavoro altrove. Con tanta fiducia e immenso affetto ( perchè questo è realmente ciò che proviamo nei suoi confronti)
Veronica
Antonella
Federica
Ilaria
Michela
Benedetta
Laura

Se sostieni l’estetista e vuoi dirlo a Virginia Raggi clicca qui